L’ Allattamento con il biberon

neonato con bibeL’allattamento con il biberon:ogni giorno ne parlo, da anni mi sento fare le stesse domande o eccezioni ed allora vorrei cominciare questo articolo con un pensiero che mi accompagna da sempre: una donna NON è meno mamma perché non allatta al seno, le mamme con il biberon non sono mamme di serie B… ci mancherebbe!

Le motivazioni per cui una donna può decidere di scegliere il latte artificiale ( latte di formula) possono essere molteplici:

Il neonato ha un riflesso di suzione debole, e questo può accadere nei neonati pretermine o in quelli sotto peso.

Un allattamento al seno particolarmente doloroso per la mamma.

Un periodo di allontanamento mamma-neonato.

Problemi di salute materna che richiedono l’assunzione di farmaci non compatibili con l’allattamento al seno ( ricordiamo sempre che tutto ciò che è assunto dalla mamma passa nel latte materno).

Resezione chirurgica dei dotti.

La necessità del ritorno al lavoro della mamme sin dalle prime settimane dopo il parto. Ed altre motivazioni ancora.papà con biberon

E’ quindi fondamentale, che la scelta materna (o della coppia) di ricorrere all’allattamento artificiale, o addirittura l’impossibilità, venga assolutamente rispettata senza emettere giudizi. Sebbene sia risaputo, e tutti confermino che il latte materno rappresenti in ogni caso la migliore soluzione per il nuovo nato, nutrire il neonato con il latte di formula resta sempre una scelta valida.

L’allattamento artificiale (latte di formula) può cominciare sin dalla nascita oppure essere inserito dopo alcune settimane o giorni dalla nascita. Se la puerpera ha dei dubbi nei riguardi di questa scelta, bisognerebbe sempre scindere le ragioni mediche da quelle della sfera emotiva e psicologica; la cosa più importante per il neonato è che si senta amato, accudito e venga nutrito affinchè possa crescere: tutto ciò indipendentemente dal metodo utilizzato.

I motivi e gli stimoli per cui un bambino possa crescere in un certo modo o nell’altro, non sono sempre dipendenti dall’essere stati allattati al seno o meno. E’ importantissima nonchè fondamentale la relazione che si instaura con i genitori e, sono esenziali gli stimoli, l’amore e gli interessi che questi riescono a trasmettere al nuovo nato. Amore e sicurezza si trasmettono anche con il biberon! Anche senza la suzione della mammella il bambino percepisce comunque la sensazione di rifugio e protezione che la mamma gli offre; certo è che, specialmente nelle prime settimane, sarebbe consigliabile alimentare con il biberon il piccolo, avendo cura che questi stia a contatto con la pelle della mamma.bimbo con pelle mamma

I prodotti in commercio (latte di formula) sono concepiti per simulare al meglio il latte materno: sebbene non possano trasferire al bimbo gli anticorpi (come invece accade con il latte materno), gli forniscono le sostanze necessarie. Hanno una composizione in proteine, vitamine, grassi e zuccheri che rispettano le indicazioni dettate dalle associazioni pediatriche internazionali. In commercio si trova il latte di formula sia in polvere che liquido (ovvero pronto da somministrare) e le proporzioni di acqua e polvere non vanno MAI modificate (a meno che non si sia consultato il neonatologo). Il latte preparato in proporzioni non corrette potrebbe causare problemi al piccolino. In ultimo, per favore, non lasciate mai il neonato da solo con il biberon.

Precedente Differenza tra zucchero di canna e zucchero raffinato Successivo Artificial baby milk - formula